Ciò a cui resisti è la chiave per la tua evoluzione

Scritto il 18 gennaio 2017

Hai visto Doctor Strange? È stato sicuramente uno dei successi al botteghino del 2016 ed è un film che può insegnarci molte lezioni :  l’importanza di essere umili, di non mollare mai, di essere grati ed apprezzare le persone che ci amano. Ma per lo scopo di questo articolo, ho scelto una scena che mi ha colpito molto mentre lo stavo guardando  e ha confermato qualcosa che penso già da molto tempo:

” quando lasciamo andare i punti di resistenza nelle nostre vite, ci si apre davanti un intero mondo nuovo”

In questa scena, Dr. Strange mostra l’essenza di ciò che è – egoista, supponente, chiuso a qualsiasi cosa sia diverso da ciò in cui crede e da ciò a cui è abituato. E L’Antico, interpretato brillantemente da Tilda Swinton, rappresenta la vita. Il mondo. Il vasto universo di conoscenza e opportunità che si trova costantemente davanti ai nostri occhi – e che spesso ci rifiutiamo di accettare.

Devi capire che la maggior parte di loro non è pronta per essere scollegata. Tanti di loro sono così assuefatti, così disperatamente dipendenti dal sistema, che combatterebbero per difenderlo. Morpheus dal Film Matrix 

Quindi qual è l’insegnamento buono per noi? Come possiamo identificare e lasciare andare le nostre resistenze in modo da provare finalmente come ci si senta a liberare lo spirito? Ad ottenere tutto quello che abbiamo sognato e ancora di più? 

A cosa stai resistendo  – e come smettere di resistere

Per identificare quali sono le cose a cui stai facendo resistenza, guarda cosa vuoi ottenere nella vita e prendi nota di tutte le tue convinzioni limitanti. Ad esempio, se volessi avviare una nuova attività basata sulle tue passioni, potresti pensare che una volta fatto, non sarai più in grado di tornare indietro e goderti del tempo libero. Se volessi perdere peso, potresti pensare di fare l’ennesima figuraccia di fronte ai tuoi amici quando ti guarderanno e non vedranno nessun cambiamento. Oppure scegli di impegnarti su più fronti spinto dalla convinzione che “il treno passa una volta sola” e per evitare di perderlo fai tante cose in maniera sufficientemente bene, anziché poche ma in maniera eccellente.

Capito come funziona? Queste convinzioni limitanti sono in realtà il nostro punto di resistenza. È ciò che ci trattiene nella nostra zona di comfort in modo da non scottarci, ma è anche ciò che ci impedisce di crescere e di trasformarci nella versione migliore di noi stessi.

A causa di queste convinzioni, ripetiamo a noi stessi “Oh, mi piacerebbe iniziare quel percorso, quell’attività, quell’esperienza, ma non è la cosa più importante, voglio dire sto bene dove sono, per di più dovrei anche trovare i soldi per potermelo permettere!” 

Dai ! Falla questa lista, tanto alla fine sono convinto che tu sai benissimo ciò che vuoi  e intimamente sai anche quali sono i pensieri che ti stanno ostacolando. Elencali ad uno ad uno e rileggili.

Ora che hai identificato a cosa stai resistendo e perché, come puoi superare la cosa? Cerca un mentore. Nel film, il Dr. Strange è stato abbastanza fortunato da avere un ottimo mentore (L’Antico) che prestava molta attenzione a lui dedicandogli delle sessioni faccia a faccia. Sarebbe fantastico avere qualcuno del genere, ma pochi di noi possono. Quindi, al contrario,

cerca  persone che hanno ottenuto quello che volevi ottenere tu e che allo stesso tempo non hanno perso ciò che tu hai paura di perdere.

Qualcuno che ha fatto delle sue passioni un lavoro continuando a godere del tempo libero

Qualcuno che ha raggiunto risultati, cadendo e rialzandosi più volte e soprattutto fregandosene del giudizio della gente.

Qualcuno che ha trovato i soldi per realizzare i suoi obiettivi, pur partendo da una posizione svantaggiata.

Cercali nei libri, nei podcast, nei seminari, on-line o offline, anche nel tuo ambiente. Una volta trovati, apri la mente e fatti convincere da loro  – perché se continui soltanto a ripetere a te stesso “sì, come no?”, allora resterai attaccato alla realtà così com’è . Ricorda, il “sì, come no?” proviene dalla tua paura, dalla tua resistenza.

Sei  pronto a smettere di resistere, a lasciarti andare e inseguire i tuoi sogni più nascosti?

Lei guarda il mondo dal buco della serratura ha impiegato tutta la sua vita cercando di ingrandirlo, per vedere di più, conoscere di più, ed ora nell’apprendere che si può ingrandire in modi inimmaginabili rifiuta la possibilità?   L’Antico in Doctor Strange

Intanto il programma Filmatrix weekly potrebbe essere il tuo più grande alleato sulla strada del risveglio:  https://www.filmatrix.it/iscrizione/

Ci rivediamo in giro

Virginio






38 Commenti a "Ciò a cui resisti è la chiave per la tua evoluzione"

  • Dario
    19 gennaio 2017 (20:05)
    Rispondi

    è un percorso che può durare una vita , ma sicuramente ne vale la pena : allargare le nostre abilità sensoriali . Grazie

    • Norberto
      20 gennaio 2017 (0:29)
      Rispondi

      Non c’è nascita, non c’è morte…non c’è inizio, non c’è fine…..solo energia in eterno movimento verso la consapevolezza

    • Virginio De Maio
      20 gennaio 2017 (9:29)
      Rispondi

      grandissimo Norberto ! un punto che si muove ..un’energia perpetua. Io e te nello stesso istante e nello stesso spazio . abbracci

    • Virginio De Maio
      20 gennaio 2017 (9:35)
      Rispondi

      ..infatti Dario, non so se c’è altra ragione al di fuori di “apprendere” ed “amare” . grazie a te

  • Davide Piangiolino
    20 gennaio 2017 (0:15)
    Rispondi

    Voglio solo aggiungere un GRAZIE, il più sentito GRAZIE che si possa pronunciare con tutta l’essenza.. perché voi con il vostro lavoro di ricerca e condivisione aiutate noi che siamo parte stessa di voi.. Amo voi come amo ogni parte di me.. ❤

    • Virginio De Maio
      20 gennaio 2017 (9:33)
      Rispondi

      Ciao Davide (c’era un blocco ai commenti -risolto 🙂
      quindi tutti noi aiutiamo noi stessi ! Tutto quello che faccio e farò da adesso in poi sarà per aiutare me stesso e dunque aiutare te ..e lei..lui e la madre terra. GRAZIE a te che sei un amplificatore del bene universale . Ci vediamo in giro

  • Carla
    20 gennaio 2017 (8:47)
    Rispondi

    Certo avere una guida fisicamente presente potrebbe essere il traguardo. Dopo anni di ricerche anche se con miglioramenti devo ammetterlo , nn riesco ancora a sciogliere le resistenze

    • Virginio De Maio
      20 gennaio 2017 (9:41)
      Rispondi

      Ciao Carla, penso che ogni cosa venga al suo tempo e ogni ostacolo è li per una ragione. Guardando il mio passato vedo il “me stesso” che anni fa non si è tuffato in delle situazioni a causa delle resistenze che aveva. Oggi mi dico che se all’epoca avessi sciolto quelle resistenze …forse avrei preso quell’occasione , avrei fatto altro (e può darsi che ne sarebbe nato qualcosa di ancora più straordinario) ….ma di sicuro non sarei nel punto esatto dove sono oggi. Non avrei scritto Filmatrix ..non avrei inseguito le mie passioni …non avrei ..non avrei. Allora dico (anche a te) le resistenze sono lì perché ti stanno preservando, proteggendo per qualcosa di grande . Tu continua a seguire il cuore ..continua ad allenare la tua capacità di ascoltare l’energia e ..ti porterà in luoghi magnifici. Ci rivediamo in giro

  • Gerolamo
    22 gennaio 2017 (10:30)
    Rispondi

    La coincidenza, in questo preciso istante, è che sto leggendo proprio ciò di cui ho bisogno. Mi accorgo sempre più di questo, non è più un fatto straordinario. Forse la cosa straordinaria è che la zona di confort che mi ‘protegge’ alla quale mi aggrappa diventa sempre più stretta e insostenibile. Che le maglie invisibili si stiano spaccano e possa finalmente spiccare il volo? C’è un ‘clik’ che dentro di me sta diventando più martellante del solito. Non riesco più ad ignorarlo, e sembra quasi di dovermi partorire. Una Nuova vita mi attende, il mio cuore e il Suo stanno per incontrarsi.

    • Virginio De Maio
      22 gennaio 2017 (10:46)
      Rispondi

      ..si penso di comprendere ciò che provi Gerolamo.Tra i molteplici modi con cui il risveglio può avvenire quello della frustrazione, del dolore e della ristrettezza emotiva è forse il più comune. Che sia per tutti un insegnamento : la sofferenza è solo un “click” che sta per scattare. Grazie per la tua testimonianza..

  • Gianluca
    24 gennaio 2017 (10:22)
    Rispondi

    L’ottica la prospettiva la visione Multiverso apre dei tunnel di percezione della quale fluttuare evitando di rimanere legati a punti fermi vivo il moto perenne anche a stando chiudo cerchi formando ellissi ascendenti e discendenti ma è la mia ottica consapevole di essere a occhi tra occhi come magneti carichi di energie che convergono per genetica e cultura per motivi che non sono propri si fa si disfa tutto per mancanza di sinergia il senso comune ci salverà dalla visione ottusa per farci vivere finalmente dio Dio relazione

  • Laura Lo Sardo
    24 gennaio 2017 (23:13)
    Rispondi

    Ci rivediamo in giro!

    • Virginio De Maio
      25 gennaio 2017 (12:53)
      Rispondi

      …ci puoi giurare Laura ..ci rivediamo in giro !

  • Susy
    24 gennaio 2017 (23:42)
    Rispondi

    Tutto è perfetto cosi com’è
    La curiosità la ricerca di sé le varie batoste ti portano a cercare delle risposte
    E capita che apri un link su fb e trovi quello che cerchi anche se ancora non ne sei consapevole
    È così che ho trovato il”mentore” tutto arriva nel momento giusto e quando siamo pronti per il prossimo salto evolutivo
    Leggere (in rete c’è di tutto) informarsi e formarsi per accresce più velocemente la propria consapevolezza può rendere il mondo migliore auguriamoci un buon risveglio e che tutti possano trovare la strada

    • Virginio De Maio
      25 gennaio 2017 (12:56)
      Rispondi

      Ciao Susy “tutto arriva nel momento giusto” ….questo è un bel mantra . Grazie

  • Eva
    25 gennaio 2017 (15:01)
    Rispondi

    Ciao Virginio, in molti anni di ricerca mi sono resa conto che c’è già tutto in noi e il lavoro da fare è per lo più togliere, smantellare ciò che non siamo, che non ci appartiene veramente, e capire che l’essenza, il nostro cuore già sa dove vuole andare e cosa vuole ottenere. Tu sei d’accordo? ma… nel caso una persona non riuscisse a collegarsi con il sacro dentro sé, cosa potresti consigliare? Grazie… Ci vediamo in giro

    • Virginio De Maio
      25 gennaio 2017 (16:35)
      Rispondi

      Si ..sai Eva, credo che tutto questo “cercare” ciò che vogliamo sia solo un’illusione. Ma forse si tratta di un’illusione necessaria ..una sorta di rito, di cerimonia, un processo che non cambia la sostanza, ma ci permette di rivelarla ai nostri occhi. In fondo, come dici, ognuno di noi ha già ciò che vuole ed è già ciò che vuole diventare, ma non ne è consapevole e non ha trovato ancora il modo di metterlo a servizio dell’umanità. I consigli mi spaventano sempre perché sono troppo facili da dare , ma se fossi io nella condizione di girare a vuoto senza trovare la mia missione ( e mi sono trovato in un momento del genere) semplicemente continuerei a cercare fino a quando non mi sentirei vibrare d’amore per quello che faccio. Cercare ..cercare , ma anche “accontentarsi” ringraziando per quello che si ha (poco o tanto). Un diario quotidiano sui motivi per cui essere grati ..può fare davvero miracoli. Magari già lo fai, ma se così non fosse ..inizia quanto prima . Tutti i giorni 5 minuti la mattina scrivendo 10 cose per cui sei grata . esempio : “Grazie dal profondo del cuore per …………. perchè ……” Queste vibrazioni non possono far altro che risuonare con il sacro che è in te ..fino a quando si rivelerà ai tuoi occhi . Ci rivediamo in giro

  • serena
    25 gennaio 2017 (17:43)
    Rispondi

    E’ vero la parola grazie fa miracoli espande la coscienza e tutto si fa Amore e sembra che la materia si alleggerisca anche solo per un attimo del suo “fardello” ciao a Tutti ci vediamo in giro…in quello spazio..

    • Virginio De Maio
      26 gennaio 2017 (17:34)
      Rispondi

      ..ci rivediamo in giro Serena !

  • Giuseppina Cipriani
    26 gennaio 2017 (14:23)
    Rispondi

    Verissimo io dico grazie da quando ho conosciuto oponopono e ora faccio yoga della risata–che aumenta la consapevolezza — ora ho comprato Filmatriks mi aspetto del nuovo ah ah grazie grazie grazie

    • Virginio De Maio
      26 gennaio 2017 (17:35)
      Rispondi

      …tu aspettati del nuovo ..e così sarà! Ciao Giuseppina ci rivediamo in giro

  • Lina Collesano
    30 gennaio 2017 (9:56)
    Rispondi

    Ciao Virginio dove posso comprare il libro?
    Un abbraccio di luce a te..sono contenta di avere incontrato un’anima speciale..

    • Virginio De Maio
      30 gennaio 2017 (11:29)
      Rispondi

      Ciao Lina se vuoi puoi prenderlo sulla pagina http://www.filmatrix.it , trovi il pulsante di acquisto. Altrimenti nelle librerie più grandi dovrebbe esserci . Tante benedizioni e luce a te ..piacere mio di averti incontrata
      Ci rivediamo in giro

  • zino
    2 febbraio 2017 (10:29)
    Rispondi

    Mi sono rivisto buttato fuori con forza e caduto a terra.Ho bussato a quella porta e tante volte sono entrato.Voglio essere libero da quell’elenco di cui parlavi, che ho scritto e riletto.il “tempo” mi aiuterà a cancellarlo.Grazie e ci vediamo in giro.

    • Virginio De Maio
      2 febbraio 2017 (11:57)
      Rispondi

      ci rivediamo in giro Zino

  • IVAN
    23 febbraio 2017 (9:00)
    Rispondi

    Ciao Virginio. Uno spunto alla seguente domanda: ‘Quale potrebbe essere l’atteggiamento più conveniente fra il cercare la propria missione senza ammattire e aspettarla pazientemente senza diventare apatico? ‘, Grazie!
    Si usa dire ‘ci vediamo dall’altra parte’ ma a me piace di più la tua espressione’ ci vediamo in giro’.

    • Virginio De Maio
      23 febbraio 2017 (10:52)
      Rispondi

      Ciao Ivan se parliamo di atteggiamento conveniente credo che il migliore sia “la curiosità”. Se parliamo invece di vibrazione ideale , credo che sia la gratitudine. Dare un po’ di spazio a ciò che piace “fare” con gratitudine nei confronti della vita , o comunque di quei pochi pochi aspetti (o tanti) che ci fanno stare davvero bene. Senza avere aspettative particolari. Solitamente la missione si rivela ai nostri occhi nelle trame della bellezza soggettiva …. ci rivediamo in giro

  • Fulvio Santarelli
    25 febbraio 2017 (11:01)
    Rispondi

    Grazie.

  • Emilia
    14 marzo 2017 (6:55)
    Rispondi

    Penso che se io sono qui a guardare questi film, vol dire che parte dei miei condizionamenti li ho sciolti, che sono gia sulla strada di ritorno alla vera Emilia quella fatta di amore per amore. Grazie Virginio!

    • Virginio De Maio
      14 marzo 2017 (10:00)
      Rispondi

      vai Emilia … io ti supporto .
      ci rivediamo in giro
      Virginio

  • angelo
    22 marzo 2017 (15:41)
    Rispondi

    ottimo

  • chiara
    27 marzo 2017 (8:24)
    Rispondi

    sto aspettando il libro che ho ordinato… a giorni arriverà ma credo da quello che leggo che sono cose che “so” già. Mi farà piacere leggere che anche altri le sanno e magari avrò spunti nuovi per poter aiutare anche i miei cari. Comunque io leggo che Dio ha fatto un gran lavoro ed è anche molto spiritoso. Ci lascia libertà di curiosare nel creato e di innamorarcene ogni giorno. Comunque lo vogliamo chiamare Lui c’è. Grazie mille!

    • Virginio De Maio
      27 marzo 2017 (11:05)
      Rispondi

      Ciao Chiara, si ..forse la forza del libro è proprio quella di esprimere con semplicità ciò che già sappiamo. In fondo ognuno di noi conosce già la verità …ma l’abbiamo dimenticata. Filmatrix grazie anche alla potenza dei film e delle scene proposte, ci aiuta a ricordarlo. Un abbraccio a te e ci rivediamo in giro

  • Fabio
    29 aprile 2017 (11:00)
    Rispondi

    ho aspettato questo film con trepidazione, anche se la storia la conoscevo già perchè da ragazzo collezionavo fumetti della Marvel, perchè sapevo già che avrebbe aperto ancora di più le porte della mia consapevolezza, e che tutto il lavoro su me stesso che pratico ormai incessantemente da circa tre anni aveva uno scopo ben preciso. Sto disimparando tutto quello che ci hanno inculcato nel DNA e studio ogni giorno il modo di esprimere il mio vero potenziale, per far si che la mia missione dell’anima si compia…..non è un caso che sono qui ed ora a commentare questo post di Virginio e ci rivediamo in giro…..

  • Giancarlo
    2 maggio 2017 (22:19)
    Rispondi

    Ciao Virginio,
    ho fatto tante liste ed continuo a farne … ci sarebbero da riempire libri interi di convinzioni limitanti…ognuna verrà smantellata al momento giusto, quando avrà finito il suo compito…quando ci vedremo in giro ne parleremo di persona. Grazie

  • Daniele Spina
    20 maggio 2017 (12:23)
    Rispondi

    be vero Virginio i faccio un sacco di cose bene e poche eccelenti che dire ne possiamo parlarre e comincio a fare la lista come da tuo consiglio

  • rita
    10 giugno 2017 (15:05)
    Rispondi

    Grazie,Grazie ,Grazie Virginio,sei un’anima rara e specilale,GrAZIE!!!

  • Teresa Saviano
    6 agosto 2017 (16:15)
    Rispondi

    Sono Teresa, per tutti gli amici Erminia ,ho 66anni.Sono una donna inquieta ,passionale faccio tutto con amore e abbastanza ottimista e per questo quasi sempre riesco a risolvere ialla meglio i miei problemi.Per molti anni ho lavorato tanto su di me per trovare la mia identità e l ho fatto da sola con l aiuto di diversi libri di psicologia (che faticaccia ma allora quando ero una ragazza chi andava da uno psicologo era considerata una malata mentale e si preferiva stare zitta invece di preoccupare i genitori di mentalità più chiusi) Dopo tanto lavoro ,sofferenze, pianti sono riuscita a liberare la mia mente da tanti sensi di colpa, inibizioni, resistenze. Oggi sono una donna piu libera che conosce il profumo della libertà interiore ma ancora alla ricerca di metodi per migliorare sempre più e riuscire a conoscere il proprio senso della vita ,per questo con piacere sono entrato nel tuo gruppo e ti ringrazio di avermi accettata.Ho fatto per 2 anni yoga e mi sento affascinata dalle meditazioni specialmente le comunitarie ,esse mi emozionano molto di più perché l unione dovunque si realizza determina potere forza empatia.Un forte abbraccio a sentirci al più presto.


Vuoi dire la tua?

Puoi utilizzare alcuni tag HTML